CARATTERISTICHE


LE CASCINE

Elementi caratteristici delle zone rurali sono le cascine, solitamente situate fuori dal centro del paese e distribuite uniformemente nella campagna.
In passato sono state proprietà di signorotti locali che le cedevano con un rapporto di mezzadria, oppure proprietà di famiglie patriarcali.

Fanno parte della frazione Mosche le cascine Baione, Bellavista, Colombaro, Diletta, Palazza, Pricciola, Progresso, Sant’Elena.

La cascina che sicuramente è stata la più caratteristica, Sant’Anna non esiste più.
Disabitata a partire da metà anni ’70 è caduta in stato di abbandono, agli inizi del 2001 è stata rasa al suolo per lasciare spazio ad una fabbrica del polo industriale sorto nella zona.

 

Cascina Sant’Anna Anno 2000
da lontano e dettaglio della torre.

 

 

 

I FORNI

Nella frazione Mosche sono presenti alcuni forni a legna che hanno rivestito nel passato una fondamentale importanza per la popolazione.

Venivano utilizzati per la cottura del pane, dei fagioli e di torte di mele o pere.

Questi edifici sono situati in quelle che erano le principali cascine o i maggiori raggruppamenti di case.

Da notare che nella maggior parte dei casi si può accedere ai forni direttamente dalla strada a testimonianza che il loro utilizzo era condiviso da più famiglie.

Nonostante la modernizzazione della società odierna questi forni non sono caduti in disuso ed attualmente sono regolarmente utilizzati, anche se il loro impiego si è trasformato da fondamentale importanza di sopravvivenza a riscoperta delle tradizioni locali.

Essi vengono utilizzati soprattutto per la cottura dei fagioli nelle pignatte, ma anche, in alcuni casi, per la cottura del pane.


Forno della cascina Diletta

 

Forno di Rosate

 

Forno di via don Raineri

 

Forno di Chiavarini

 
 

 

LE FORNACI

Nella frazione Mosche per alcuni decenni è stata presente l’attività laterizia, con ben due fornaci attive; di una di queste è rimasto l’alto comignolo che è stato inserito nel simbolo della frazione.

L’altra fornace ha avuto uno sbocco nella commercializzazione delle ceramiche.


Ex fornace di Chiavarini.